Attenzione: Il tuo browser è ormai obsoleto! Il sito potrebbe non funzionare correttamente. Per visualizzare correttamente questo sito aggiorna il tuo browser ad una versione più recente.

Il Vangelo aramaico di Matteo e altri saggi / Giovanni Garbini

 

Autore/Curatore: Garbini, Giovanni

Pubblicazione: Brescia : Paideia, 2017

Descrizione: 311 p. ; 21 cm

Collocazione: 226.206 GARBG VANAD

Presentazione
Il nuovo volume di Giovanni Garbini raccoglie una serie di contributi recenti, in parte inediti, dedicati alla storia e alla cultura dell’Israele antico e ai loro sviluppi fino agli albori del cristianesimo. Preceduto da pagine che si muovono nell’ambito biblico dai primi capitoli della Genesi a profeti come Michea e Isaia, passando per i libri storici ai quali si deve gran parte della nostra conoscenza della storia antica di Israele, l’ultimo studio espone la problematica dell’esistenza di un vangelo aramaico di Matteo, di cui parla un celebre nome del II secolo cristiano, Papia vescovo di Ierapoli in Frigia. A detta di Garbini, l’interesse di questo vangelo attribuito a Matteo – e scritto nella lingua parlata da Gesù stesso – sta nella straordinaria importanza che sotto il profilo sia cronologico sia letterario esso riveste per l’affermazione della forte componente giudaica che nei primi decenni del movimento cristiano venne a contrapporsi al filone più propriamente messianico che predicava l’imminenza del regno di Dio.

Struttura
Il testo si apre con la Premessa. Seguono sedici capitoli: Chi ha creato Adamo?; I guardiani dell'Eden; La “Tavola dei popoli” della Genesi; Gli eponimi di Israele; Il serpente di Mosè; La lancia del re; Gionata e i “giorni di Gabaa”; La conquista di Gerusalemme; Gerusalemme città dei pastori; La regina di Saba; La “casa di David”; Due re dimenticati; Le donne del tempio; Sobna, soprintendente del tempio, e il suo sigillo; La capanna del re; Il vangelo aramaico di Matteo. Il volume si chiude con l'Indice dei passi discussi.

Collana
Il vangelo aramaico di Matteo è il numero 188 della collana “Studi biblici” della casa editrice bresciana Paideia. La collana, fondata da Giuseppe Scarpat, è presente in biblioteca a partire dal n. 1 e viene continuamente aggiornata.

Autore
Giovanni Garbini, nato nel 1931 e deceduto all'inizio del 2017, è stato un esperto di lingue, storia e religioni semitiche antiche vicino-orientali. Ha svolto attività di docente universitario nell'ambito della Filologia biblica nelle sedi dell'Istituto universitario orientale di Napoli, nella Scuola Normale di Pisa e, infine, nell'Università degli studi di Roma “La Sapienza”. Dal 1990 è stato socio dell'Accademia nazionale dei Lincei. È stato anche componente della Fondazione “Leone Caetani” per gli studi musulmani.

Altri testi di Garbini in biblioteca
Di Giovanni Garbini in biblioteca sono presenti altri testi: Vita e mito di Gesù (2015); Il Poema di Baal di Ilumilku (2014); I Filistei. Gli antagonisti di Israele (2012); Dio della terra, Dio del cielo. Dalle religioni semitiche al giudaismo e al cristianesimo (2011); Letteratura e politica nell'Israele antico (2010); Scrivere la storia d'Israele. Vicende e memorie ebraiche (2008); Introduzione all'epigrafia semitica (2006); Mito e storia nella Bibbia (2003); Il ritorno dall'esilio babilonese (2001); Note e lessicografia ebraica (1998); Introduzione alle lingue semitiche (1994); Cantico dei cantici (1992); Realtà e allegoria nell'interpretazione del Cantico dei Cantici (1989); Storia e ideologia nell'Israele antico (1986).