Attenzione: Il tuo browser è ormai obsoleto! Il sito potrebbe non funzionare correttamente. Per visualizzare correttamente questo sito aggiorna il tuo browser ad una versione più recente.

Imparare ad amare da pastori: eros e agape nella vita del prete / Jos Maria Recondo ; prefazione di Amedeo Cencini ; in appendice intervista a papa Francesco

 

Autore/Curatore: Recondo, Jos Mara

Pubblicazione: Bologna : EDB, 2017

Descrizione: 205 p. ; 22 cm

Collocazione: 248.892 RECOJM IMPAA

Presentazione
Secondo Sant’Agostino, la vita pastorale del sacerdote è amoris officium, compito di amore. Eppure, come ha osservato Erich Fromm, l’amore non è «facile per nessuno, qualunque sia il grado di maturità raggiunto». Chi si lascia istruire dalla vita e conosce un po’ se stesso, intuisce che l’apprendistato è continuo e che fino all’ultimo giorno possiamo scoprire, spesso con dolore, che restano in noi ripiegamenti egoistici, ricerche occulte, immaturità più o meno assecondate.

Struttura
Il testo di Recondo si apre con l'articolata Prefazione di Amedeo Cencini, alla quale segue l'Introduzione.
Il corpo del libro è composto da due parti: Eros e agape nel cuore sacerdotale e Imparando ad amare da pastori. La prima parte comprende quattro capitoli: Eros e agape nella vita cristiana; Il dialogo tra eros e agape nel cuore sacerdotale; Il ripiegarsi dell'eros su se stesso; La tensione tra eros e agape nella maturazione della carità pastorale. La seconda parte è formata da tre capitoli: La sfida di questo tempo è formare il cuore; Chiamati a una vita teologale; Amare da pastori.
Dopo la Conclusione, il testo riporta in appendice l'Intervista a papa Francesco.

Collana
Imparare ad amare da pastori appartiene alla collana “Fede e annuncio” della casa editrice bolognese EDB; in particolare alla sezione “Ricerche di teologia pastorale”, diretta da G. Cardaropoli e da F. Marinelli.

Autore
José Maria Recondo è sacerdote diocesano e dottore in Teologia spirituale. È stato parroco e rettore del Seminario della diocesi di Moron dal 1989 al 2003; presidente dell'Organizzazione dei Seminari dell'Argentina dal 2000 al 2003 e vicepresidente dell'Organizzazione dei Seminari latinoamericani dal 2000 al 2003. Inoltre è stato rettore del Collegio sacerdotale argentino e della Chiesa argentina a Roma dal 2005 al 2011.