Attenzione: Il tuo browser è ormai obsoleto! Il sito potrebbe non funzionare correttamente. Per visualizzare correttamente questo sito aggiorna il tuo browser ad una versione più recente.

La Biblioteca dispone di una Sala Lettura con 40 posti (8 dei quali provvisti di prese elettriche per pc portatili) per la lettura e la consultazione del materiale.


Accesso

L’accesso è garantito a chiunque abbia compiuto 18 anni di età e sia in possesso di un documento di identità personale valido (che sarà tenuto a fornire qualora il personale lo richiedesse).
La Biblioteca è provvista di un ingresso secondario che permette l’accesso ad utenti disabili.


Materiale a scaffale aperto

La consultazione del materiale a scaffale aperto (Sala Lettura e Sala Consultazione) è libera e gratuita per qualsiasi utente, che può accedere direttamente allo scaffale e prelevare l’opera che intende consultare.


Meteriale custodito in Deposito

L’accesso al materiale custodito in Deposito è riservato al personale.
Gli utenti possono richiederne la consultazione secondo le seguenti modalità:

  • Monografie moderne e riviste: inoltrando richiesta al bibliotecario compilando l’apposito modulo presente in Sala Lettura
  • Tesi di baccellierato, licenza o dottorato: inoltrando richiesta scritta alla direzione indicando le motivazioni della ricerca
  • Libri antichi e materiale raro e di pregio: inoltrando richiesta scritta alla direzione indicando le motivazioni della ricerca. La consultazione avviene per il tramite del personale.

Il personale della Biblioteca può consentire ai docenti che ne facciano richiesta, l’accesso diretto al Deposito. Qualora i docenti avessero necessità di accedere al Deposito fuori dell’orario di apertura, potranno rivolgersi al Direttore.

Eventuali ricercatori per tesi di laurea e dottorato possono richiedere l’accesso diretto ai depositi presentando documentazione scritta che certifichi la loro qualifica di ricercatori. L’accettazione della richiesta e l’autorizzazione all’accesso sono a discrezione del Direttore.


Informazioni sulla collocazione

Attraverso il catalogo elettronico è possibile ottenere informazioni sulla collocazione dei materiali a scaffale. Per particolari necessità il personale è disponibile, su richiesta, a fornire indicazioni bibliografiche o sull’uso del catalogo.


Consultazione prolungata

L’utente che desidera proseguire la consultazione nei giorni successivi può chiedere che il materiale consultato rimanga disponibile in Sala Lettura, apponendo l’apposita fascetta “in consultazione”, sulla quale deve specificare il proprio nome, cognome e durata della consultazione che, in ogni caso, non potrà protrarsi oltre i 30 giorni.


Una volta ultimata la consultazione, i volumi consultati devono essere riposti nell’apposito carrello di restituzione. La collocazione del materiale è cura esclusiva del personale della Biblioteca.


Norme di comportamento

In Sala Lettura e nei locali adiacenti sono prescritti un comportamento consono alla natura del luogo e il rispetto delle norme previste dal Regolamento, di cui gli utenti sono tenuti ad essere a conoscenza:

È permessa la consultazione di libri propri nelle sale della Biblioteca, a condizione che l’utente ne permetta la verifica da parte del personale.

Per nessun motivo è permesso portare i volumi fuori della Biblioteca, fatta eccezione per il prestito, quando previsto.

Nelle sale è vietato:

  • fumare
  • introdurre e/o consumare cibi o bevande
  • introdurre forbici, colle, oggetti taglienti
  • danneggiare in qualsiasi modo o asportare il materiale della Biblioteca
  • turbare in qualsiasi modo la quiete e il silenzio
  • trattenersi per motivi estranei allo studio

In particolare: cellulari, smartphones o palmari devono essere tenuti spenti o in modalità silenziosa ed è vietato effettuare o ricevere chiamate telefoniche all’interno della Biblioteca.

A giudizio insindacabile della direzione può essere ammesso l’uso di computer portatili, per i quali la Biblioteca fornisce l’energia elettrica, declinando però ogni responsabilità per eventuali danneggiamenti arrecati agli apparecchi e/o ai dati in essi contenuti dalla connessione all’impianto elettrico. I singoli utenti sono in ogni caso responsabili dei danni arrecati dai loro apparecchi a persone o a cose.

Chiunque violi tali regole è passibile di allontanamento temporaneo o permanente dalla Biblioteca, fatto salvo quanto previsto dalla legge in materia di sanzioni penali e amministrative.